Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_marsiglia

CANALETTO : ROMA, LONDRA, VENEZIA IL TRIONFO DELLA LUCE

Data:

06/05/2015


CANALETTO : ROMA, LONDRA, VENEZIA IL TRIONFO DELLA LUCE

HÔTEL DE CAUMONT – AIX-EN-PROVENCE

Mostra

Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto (1697-1768), è riconosciuto come figura emblematica del genere della “veduta”, creazione artistica del Settecento veneziano più ammirata in Europa. La mostra all'Hôtel de Caumont intende proiettare una nuova luce su tutta l'opera di Canaletto, con particolare interesse per il trattamento della luce nella pittura del maestro veneziano. Cinquanta dipinti e disegni provenienti da collezioni pubbliche e private internazionali presenteranno la figura di Canaletto e le diverse fasi della sua carriera artistica a Roma, Londra e Venezia. Scopriamo, in un primo momento, la prima attività di Canaletto come pittore per scene teatrali realizzate in collaborazione con suo padre Bernardo Canal e suo fratello Cristoforo. Libretti d’Opera su cui appare il nome del Canaletto saranno presentati a fianco dei suoi primi “Capricci” influenzati dalla musica, eseguiti nel 1720-1722, e le prime vedute di Venezia. In seguito la mostra presenta le grandi imprese giovanili del Canaletto di Venezia commissionate da Joseph Smith (1722-1723), Joseph Wenzel del Liechtenstein (1723) e Stefano Conti (1725-1726), dipinti di grande formato che testimoniano l’abilità del giovane pittore. Il soggiorno di Canaletto in Inghilterra, il suo contatto con nuovi paesaggi e con la luce del Tamigi, l’hanno portato a cambiare la tavolozza e il tocco. Una serie di dipinti e disegni mostra le nuove soluzioni adottate per catturare l'atmosfera e lo spirito dell'Inghilterra. Canaletto ritrae Londra e si concentra sul ponte di Westminster, il secondo ponte sul Tamigi, allora in costruzione. Ritrae anche la campagna inglese, andando verso la periferia della Scozia per rappresentare Alnwick Castle, sede del Duca di Northumberland. Una sezione speciale è dedicata agli esperimenti tecnici condotti dall'artista nel corso della sua carriera. Canaletto progetta un modo sistematico e scientifico di rielaborare i disegni realizzati a cielo aperto con la camera oscura (dark room). L’esemplare della camera oscura utilizzata dal pittore è presentata vicino al suo fac-simile e permette ai visitatori di osservare ciò che il pittore poteva vedere attraverso questo dispositivo. La riproduzione delle pagine del suo carnet da disegno e una pellicola mostrano il lavoro tecnico dell'artista sulla rappresentazione delle vedute di Venezia. Questa mostra è anche l'occasione di condurre per la prima volta uno studio dettagliato degli ultimi anni di Canaletto a Venezia. Le opere realizzate dopo il suo ritorno da Londra alla fine del 1755 mostrano i nuovi interessi del Canaletto e la sua risposta al nuovo clima artistico di Venezia, dove Francesco Guardi (1712-1793) divenne noto allora. Particolare attenzione è dedicata alla instancabile passione dell'artista per lo studio di una nuova luce ed effetti atmosferici. Commissario Generale: Dr. Bozena Anna Kowalczyk, uno specialista di pittura veneziana del Settecento. Al Centro d'Arte dell’Hôtel de Caumont, Culturespaces sperimenta un nuovo tipo di “esposizione immersiva”. Le opere dei grandi maestri classici, saranno accompagnate dall’uso di mezzi digitali e multimediali per migliorare l'esperienza del visitatore. Dall'ingresso della mostra, un dispositivo di suono sottile all’avanguardia, indirizza il visitatore verso un approccio musicale dei primi “Capricci” di Canaletto. Il visitatore è immerso nelle prime fonti di ispirazione del maestro veneziano, nell’opera e nel lavoro di suo padre Bernardo Canal, scenografo. A metà percorso, un'installazione digitale dell'artista veneziano Gianfranco Iannuzzi, specialista multimediale, invita il visitatore a sognare a occhi aperti, tra le “vedute” di Canaletto e il Canal Grande in particolare. Questa meravigliosa immersione visiva e sonora offre un modo innovativo per scoprire il mondo pittorico del Maestro, attraverso il concetto AMIEX® sviluppato da Culturespaces. Proiettate su grande scala, le immagini dei dipinti di Canaletto si animano. Venezia prende vita davanti agli occhi di chi guarda. Lo sciabordio dell'acqua, il suono delle campane della chiesa di Santa Croce trasportano il visitatore in un tempo e un luogo diverso. Attraverso questa installazione digitale contemporanea, lo sguardo del maestro Canaletto sulla città di Venezia viene rivisitato, in omaggio al suo lavoro.

Informazioni

Data: da Mer 6 Mag 2015 a Dom 20 Set 2015

Ingresso : Libero


909